Difesa del mare

Il Gruppo opera storicamente nei comprensori portuali dell’Alto Adriatico, pur intervenendo nell'ambito marittimo e territoriale dell'intera penisola e di vari paesi, comunitari e non, che si affacciano sul bacino del Mediterraneo

- Gestione dei natanti ecologici in conto proprio o per conto terzi, sia in ambito nazionale che estero.

- Progettazione, costruzione ed allestimento di mezzi nautici atti alla prevenzione e disinquinamento delle acque marittime ed interne: natanti approvati ed omologati dal Registro Italiano Navale, dagli Organismi nazionali e stranieri.

- Studio per la valutazione dell'impatto ambientale riferito alle attività marittime o agli insediamenti industriali lungo le coste o in mare aperto: ricerca ed elaborazione dei dati in collaborazione con Istituti Universitari nazionali ed esteri.

- Campionatura e monitoraggio delle acque: sviluppo e analisi dei dati in collaborazione con Istituti di Biologia Marina.

- Gestione ed esecuzione dei servizi volti alla prevenzione e repressione dell'inquinamento delle acque causato da idrocarburi o altre sostanze in ambito portuale, costiero, off-shore e presso piattaforme di prospezione petrolifera. La gestione efficace di un inquinamento delle acque marittime, costiere, portuali od interne, pur essendo vincolata alla capacità reattiva e di risorse messe a disposizione della struttura incaricata, deve tener conto di tutta una serie di fattori che, pur avendo ogni avvenimento situazioni e caratteristiche diverse, sono di estrema importanza per la buona riuscita delle operazioni di decontaminazione.
Il principale di questi fattori fattori, oltre all’immediata reattività della struttura e messa in opera di tutti i più moderni mezzi e strumenti atti a contrastare i danni prodotti dell’inquinamento, è la capacità organizzativa che si concretizza attraverso il corretto flusso delle comunicazioni e la perfetta conoscenza da parte delle funzioni direttive ed operative dell’ordine attuativo di tutto le operazioni atte al contenimento ed all’eliminazione del fattore contaminante.
L’ottenimento della sinergia da parte di chi dirige le operazioni con le autorità di sorveglianza e le risorse operative comporta l’osservanza di procedure che devono essere a conoscenza di tutte le parti interessate alle operazioni; ciò si ottiene solamente attraverso l’adozione di procedure standardizzate che, con la loro osservanza, consentano di operare senza dispersione di risorse e nei tempi più immediati.
Il Gruppo Crismani, in base alle esperienze maturate in centinaia di interventi, ha elaborato la procedura che di seguito viene riportata e che, di volta in volta, viene osservata e, nel caso, revisionata.

- Raccolta meccanica degli inquinanti sia con mezzi nautici che con impianti montati su autocarri, attraverso l'impiego di skimmers, barriere galleggianti e prodotti oleoassorbenti.

- Assistenza e operatività antinquinamento su piattaforme off-shore.

- Gestione ed esecuzione dei servizi volti alla prevenzione e repressione dei fenomeni prodotti dall'eutrofizzazione e proliferazione algale:

- Ossigenazione delle acque, sfalcio delle macroalghe, raccolta delle mucillagini, sbarramenti con barriere galleggianti a protezione dei litorali adibiti a balneazione.

- Pronto intervento antinquinamento con disponibilità immediata di risorse umane e tecniche: squadre in disponibilità "pronte a muovere" equipaggiate autonomamente con attrezzature containerizzate.

- Gestione ed esecuzione dei servizi di prevenzione inquinamento riferiti ai disposti degli Annessi alla Convenzione Marpol: raccolta, trasferimento e stoccaggio dei rifiuti di varia tipologia provenienti da navi in porto e in rada, raccolta e smaltimento di slops, acque di sentina e acque nere.